I costruttori di automobili devono mettere a disposizione degli operatori indipendenti i numeri di identificazione dei veicoli

17 novembre 2023

La Sentenza della Corte di Giustizia dell'UE, nella causa C-319/22 | Gesamtverband Autoteile-Handel (Accesso alle informazioni sui veicoli), ha precisato che i costruttori di automobili sono tenuti a fornire l’accesso a tutte le informazioni sulla riparazione e la manutenzione dei veicoli.

Tali informazioni non devono necessariamente essere rese accessibili utilizzando un’interfaccia con una banca dati che consenta un’interrogazione automatizzata, con la possibilita` di scaricare i risultati. Tuttavia, il loro formato deve consentire un trattamento elettronico diretto. In tal senso, esso deve permettere di estrarre i dati rilevanti e di conservarli immediatamente dopo la loro raccolta. La Corte dichiara, inoltre, che i costruttori di veicoli sono obbligati a costituire una banca dati che deve contenere le informazioni relative alle parti che possono essere sostituite da pezzi di ricambio. La ricerca di informazioni in tale banca dati deve essere possibile in funzione dei numeri di identificazione dei veicoli e di altri criteri, come la potenza del motore o il tipo di rifinitura del veicolo.

La Corte sottolinea che i numeri di identificazione dei veicoli devono figurare nella baca dati.

Tale numero, in quanto tale, e` privo di carattere personale. Tuttavia, diventa un dato personale quando qualcuno che ha accesso a tale numero dispone dei mezzi che gli permettono di identificare il detentore del veicolo, a condizione che si tratti di una persona fisica. La Corte rileva a tale proposito che il detentore, come il numero di identificazione, e` indicato nella carta di circolazione. Anche nei casi in cui i numeri di identificazione dei veicoli devono essere qualificati come dati personali, il regolamento generale sulla protezioni dei dati  non osta a che i costruttori di automobili siano tenuti a metterli a disposizione degli operatori indipendenti.

Archivio news

 

News dello studio

mag7

07/05/2024

Modifica al codice deontologico in materia di equo compenso

Il 3 maggio 2024, e’ stato pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il  seguente Comunicato del CNF:  Il Consiglio nazionale forense, nella seduta  amministrativa  del 23

mag3

03/05/2024

Lotta contro le contraffazioni commesse online

Lotta contro i reati e ingerenza nei diritti fondamentali: un'autorita` pubblica nazionale incaricata della lotta contro le contraffazioni commesse online puo` accedere ai dati identificativi a

mag3

03/05/2024

Tabulati Telefonici

Secondo la legge italiana, il delitto di furto aggravato fa parte dei reati che giustificano l’acquisizione di tabulati telefonici presso il fornitore di servizi di comunicazione elettronica,

News Giuridiche

mag25

25/05/2024

Una nuova ONU: utopia o necessità?

<span>Riflessione breve su una possibile

mag24

24/05/2024

Certificati anagrafici presso gli sportelli di Poste: il via libera del Garante

Approvato lo schema di decreto del Ministero