La conservazione generalizzata e indiscriminata, da parte degli operatori di servizi di comunicazione elettronica, dei dati relativi al traffico

21 settembre 2022

Il 20 settembre 2022, la Corte di Giustizia ha reso nota l'adozione della sentenza della Corte nelle cause riunite C-339/20 | VD e C-397/20 | SR

Secondo la Corte Europea, La conservazione generalizzata e indiscriminata, da parte degli operatori di servizi di comunicazione elettronica, dei dati relativi al traffico per un anno a decorrere dal giorno della registrazione non e` autorizzata, a titolo preventivo, per finalita` di contrasto dei reati di abuso di mercato, di cui fa parte l’abuso di informazioni privilegiate

Un giudice nazionale non puo` inoltre limitare nel tempo gli effetti di una declaratoria di invalidita` di una legislazione nazionale che prevede una conservazione del genere.

Con la sua sentenza odierna la Corte di giustizia constata, in primo luogo, che ne´ la direttiva «abusi di mercato» ne´ il regolamento sugli abusi di mercato possono costituire il fondamento giuridico di un obbligo generale di conservazione delle registrazioni di dati relativi al traffico detenuti dagli operatori di servizi di comunicazione elettronica ai fini dell’esercizio dei poteri conferiti alle autorita` competenti in materia finanziaria in forza di tali atti.

In secondo luogo, la Corte ricorda che la direttiva relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche costituisce l’atto di riferimento in materia di conservazione e, piu` in generale, di trattamento dei dati personali nel settore delle comunicazioni elettroniche. Tale direttiva disciplina dunque anche le registrazioni dei dati relativi al traffico detenute dagli operatori di servizi di comunicazione elettronica che le autorita` competenti in materia finanziaria, ai sensi della direttiva «abusi di mercato» e del regolamento sugli abusi di mercato, possono richiedere loro. Pertanto, la liceita` del trattamento delle registrazioni conservate dagli operatori di servizi di comunicazione elettronica deve essere valutata alla luce delle condizioni previste dalla direttiva relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche, quale interpretata dalla Corte.

La Corte dichiara quindi che la direttiva «abusi di mercato» e il regolamento sugli abusi di mercato, letti in combinato disposto con la direttiva relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche e alla luce della Carta, non autorizzano una conservazione generalizzata e indiscriminata, da parte degli operatori di servizi di comunicazione elettronica, dei dati relativi al traffico, per un anno a decorrere dal giorno della registrazione, per finalita` di contrasto dei reati di abuso di mercato, di cui fa parte l’abuso di informazioni privilegiate.

In terzo luogo, la Corte conferma la sua giurisprudenza secondo la quale il diritto dell’Unione osta a che un giudice nazionale limiti nel tempo gli effetti di una declaratoria di invalidita`, in forza del diritto nazionale, nei confronti di una normativa nazionale che impone agli operatori di servizi di comunicazione elettronica una conservazione generalizzata e indiscriminata dei dati relativi al traffico e dei dati relativi all’ubicazione, a causa dell’incompatibilita` di tale normativa con la direttiva relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche.

Cio` premesso, la Corte ricorda che l’ammissibilita` degli elementi di prova ottenuti attraverso una simile conservazione rientra, conformemente al principio di autonomia procedurale degli Stati membri, nell’ambito del diritto nazionale, fatto salvo il rispetto, in particolare, dei principi di equivalenza e di effettivita`. Quest’ultimo principio impone al giudice penale nazionale di escludere informazioni ed elementi di prova che siano stati ottenuti mediante una conservazione generalizzata e indiscriminata incompatibile con il diritto dell’Unione qualora gli interessati non siano in grado di svolgere efficacemente le proprie osservazioni in merito a tali informazioni e a tali elementi di prova, riconducibili a una materia estranea alla conoscenza dei giudici e idonei a influire in maniera preponderante sulla valutazione dei fatti.

Archivio news

 

News dello studio

set29

29/09/2022

JUDGMENT OF THE COURT IN JOINED CASES C-793/19 - SPACENET AND C-794/19 - TELEKOM DEUTSCHLAND

The Court of Justice confirmed that EU law precludes the general and indiscriminate retention of traffic and location data, except in the case of a serious threat to national security However, in order

set29

29/09/2022

Italian Competition Authority: investigation initiated against Intesa Sanpaolo for an alleged unfair commercial practice

The Authority is scrutinising how the banking group marketed its fixed-rate and floating-rate real estate mortgage loans: the bank allegedly failed to provide consumers with clear information on the

set29

29/09/2022

Italian Competition Authority has commenced an investigation against Arval Service Lease Italia S.p.A. for alleged misleading and aggressive practices

The Authority will assess the behaviour of the company with regard to the service of long-term car rental for consumers and micro-enterprises The Italian Competition Authority has commenced investigation

News Giuridiche