Attività di recupero crediti: comunicazione a terzi di informazioni sull'inadempimento

16 september 2021

La Corte di Cassazione (ordinanza n. 18783/2021) ha stabilito che, in tema di trattamento dei dati personali, integra una violazione del diritto alla riservatezza e dell'art. 11 del D.Lgs. n. 196 del 2003, il comportamento di un creditore il quale, nell'ambito dell'attività di recupero credito, svolta direttamente ovvero avvalendosi di un incaricato, comunichi a terzi (familiari, coabitanti, colleghi di lavoro o vicini di casa), piuttosto che al debitore, le informazioni, i dati e le notizie relative all'inadempimento nel quale questo versi oppure utilizzi modalità che palesino a osservatori esterni il contenuto della comunicazione senza rispettare il dovere di circoscrivere la comunicazione, diretta al debitore, ai dati strettamente necessari all'attività recuperatoria.

News archive

 

Firm news

nov30

30/11/2021

Sanzioni per 20 milioni a Google e ad Apple per uso dei dati degli utenti a fini commerciali

L’Autorità ha accertato due violazioni del Codice del Consumo, una per carenze informative e un’altra per pratiche aggressive riguardo all’acquisizione e all’utilizzo

nov22

22/11/2021

Connettiamo le piazze, nei borghi come in città

Prende il via la campagna di comunicazione “Connettiamo le piazze, nei borghi come in città”, promossa dal Ministero dello sviluppo economico che ha l’obiettivo di favorire

nov22

22/11/2021

Conservazione di dati generati o trattati nell’ambito della fornitura di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico o di reti pubbliche di comunicazione

Pubblicate le conclusioni dell’avvocato generale nelle cause riunite C-793/19 SpaceNet e C-794/19 Telekom Deutschland, nella causa C-140/20 Commissioner of the Garda Síochána e a.